Passa ai contenuti principali

La festa dei lavoratori: buon 1 Maggio

Ma quando nasce questa festività?

Alcuni cenni storici
In primis a Ginevra, nel 1864, nasce l'Associazione Internazionale dei Lavoratori.
Tuttavia, con buona probabilità, il 1 Maggio fonda le sue origine nell'Illinois.

Proprio qui vi furono le prime manifestazioni degli operai nelle fabbriche durante la Rivoluzione Industriale degli Stati Uniti.
Nel 1866, a Chicago, fu approvata la legge delle 8 ore giornaliere di lavoro, ma tale legge entrò in vigore solo l'anno dopo, il 1 Maggio, quando venne organizzata una manifestazione con almeno 10.000 partecipanti.

Il 1 Maggio si celebra dal 1867
La ricorrenza si diffuse e oggi la festa dei lavoratori è celebrata in molti Paesi e, anche oggi, a suon di smart working si continua a lottare per difendere il diritto-dovere al lavoro
citato ne La Costituzione Italiana ne l' Art. 4 La Repubblica riconosce a tutti i cittadini il diritto al lavoro e promuove le condizioni che rendano effettivo questo diritto. Ogni cittadino ha il dovere di svolgere, secondo le proprie possibilità e la propria scelta, un'attività o una funzione che concorra al progresso materiale o spirituale della società.



Commenti

Post popolari in questo blog

Mancanze a Natale.

Voi che non ci siete.
Chissà se vi incontrate,
se siete allo stesso appuntamento,
se vi siete persi
per vicoli malinconici...
Se parlate tra di voi...
Voi che non ci siete, che mancate,
persi, lontani, sempre altrove.
Voi che non ci siete,
chissà se vi incontrate.
Perché io ho smesso da tempo
di incontrarvi.
E voi, voi che non ci siete
mancate di più.
A Natale, il lunedì, il sabato,
nel freddo e nei giorni stanchi.
Voi che volate nei pensieri
e non fate sentire il rumore dei passi
avete familiarizzato con i miei
difetti nascosti,
con gli scheletri nell'armadio
e con i fantasmi.
Fortunatamente non siete soli,
ma tutti insieme in un gruppo di assenze
che solo così riesco a classificare
e, cuore permettendo, a lasciare andare.

5 consigli per uno scrittore esordiente.

1 Lascia libera la fantasia. Immagina. Crea. Mostra. Non giudicarti, perché è il tempo di liberare l'estro, di fare, di far fluire.

2 Fallo a modo tuo. Proprio come sei unico in tutto ciò che fai e sei nella vita, hai un tuo stile particolare di scrittura e di espressione. Hai un tuo lessico. Possiedi un tuo modo di assemblare e di accostare frasi e parole. Riconosci il tuo stile.

3 Sii autentico. Sii te stesso quando scrivi. Immergiti nella storia. Vivi ciò che scrivi.
Il lettore se ne accorgerà. Riuscirai così a portarlo nel tuo mondo o in qualsiasi immaginario vorrai studiare.

4 Fermati. Prenditi una pausa e cerca di distaccarti dalla tua trama, dal tuo punto di vista e dai personaggi. Rientra in altri scenari o torna a svolgere un'attività completamente diversa per poi rileggerti a mente scevra di giudizi. Cerca altri possibili punti di vista. Scrivi o pensa un commento sul tuo testo.

5 Rileggi ancora. Sistema, taglia, modifica. Renditi consapevole e responsabile di quanto…

Le streghe sono buone.

Nel giorno di Halloween ho sempre ricevuto tanti messaggini non esattamente belli. Questo accade quando il tuo nemico interiore si allea con i nemici esteriori che incontri lungo la via. Da piccolina questi nemici altri avevano la forma di adulti e di coetanei, proprio come nell'adolescenza. Venivo additata come brutta, strega, mostro e soprattutto ero colpita dal fatto che al brutto venisse collegato il concetto di cattivo. In una persona non ancora formata, consapevole e matura il bullismo crea svariate forme di problematiche, alcune sono: la paura, il disagio, il senso di colpa. È stato difficile comprendere come poter cambiare punto di vista. E soprattutto è stato illuminante comprendere che il corpo (il fisico in genere) non ha nulla a che fare con l'autostima e la sicurezza personale, con il socializzare, con l'amare e l'essere amati. Adesso che ho cambiato prospettiva capitano miracoli, ossia ricevo in continuazione complimenti, parole di incoraggiamento, dimost…